Costruzioni in bioedilizia, la scelta dei migliori materiali isolanti: tra risparmio energetico e benessere bioclimatico

Esistono diversi materiali isolanti naturali che non solo permettono d garantire il massimo comfort domestico, ma, grazie alle loro qualità sono perfettamente sostenibili e in grado di ottimizzare i consumi energetici.

Edilizia green e sostenibilità ambientale

La sostenibilità nel settore dell’edilizia rappresenta un valore sempre più importante: attraverso l’utilizzo dei giusti materiali, è possibile infatti ridurre in modo importante l’impatto sul pianeta.

Fondamentale la scelta di materiali isolanti naturali, che richiedono un ciclo di trasformazione molto ridotto e non presentano problemi di smaltimento. Inoltre i materiali naturali vengono spesso reperiti in loco: in questo modo è possibile tagliare ulteriormente le emissioni inquinanti, derivanti dal trasporto dei materiali da altri Paesi.

L’utilizzo di materiali sostenibili riciclate rappresenta la base su cui costruire l’edilizia green del futuro: per fortuna sul mercato è possibile trovare numerosi materiali, che, oltre ad offrire indubbi vantaggi quali l’isolamento termico, sono biocompatibili ed ecosostenibili.

Questo rappresenta un fattore molto importante, perché non soltanto garantisce un effettivo beneficio in termini di comfort domestico, ma offre un importante risparmio energetico, favorendo il benessere bioclimatico.

I migliori materiali isolanti per la bioedilizia

Ci sono numerosi materiali ecosostenibili che possiamo usare in edilizia per non impattare l’ambiente.

Tra i migliori troviamo certamente la fibra di legno, uno degli eco-materiali più utilizzati in edilizia.

Nota anche come “lana di legno”, la fibra è un prodotto di origine vegetale,completamente riciclabile e biocompatibile. La fibra di legno è infatti un materiale di origine vegetale, che viene prodotta dagli scarti di lavorazione del legno. Inoltre, questo materiale generalmente, non viene sottoposto a trattamenti chimici, rendendola la componente ideale per l’isolamento termo-acustico. Una qualità importantissima che permette di ridurre i rumori esterni, migliorando il comfort abitativo. Inoltre, un suo vantaggio logistico, è la leggerezza. Si tratta di un materiale molto comodo e facile da trasportare.

Accanto alla fibra di legno, un altro dei materiali migliori e più impiegati in bioedilizia è la lana di roccia.

Noto anche come fibra minerale, la lana di roccia è un materiale di origine naturale,  particolarmente apprezzata per le sue doti isolanti, tanto da essere molto utilizzata per i cappotti termici, in grado di elevare il comfort domestico e ottimizzare il risparmio energetico. Al pari della fibra di legno, la lana di roccia è un ottimo fonoassorbente, ovvero in grado di isolare ottimamente un edificio, nonché idrorepellente, quindi non provoca la formazione di umidità.

Tra i vantaggi della lana di roccia, occorre infine sottolineare la grande capacità di isolare termicamente gli edifici: questo è molto importante per mantenere la temperatura costante ed evitare gli sprechi di calore: due gesti che permettono di ridurre la bolletta del gas e risparmiare energia.

Se vogliamo ridurre il costo della bolletta, un’altra soluzione è quella di selezionare una migliore tariffa luce e gas, facendo un confronto tra le offerte luce più convenienti proposte dai fornitori sul mercato. Se stiamo per traslocare in un’altra casa dovremo inoltre preoccuparci di effettuare per tempo il cambio delle utenze. Qualora nella nuova casa il contatore fosse presente e attivo, dovremo fare richiesta per una voltura delle utenze.

E’ importante scegliere tariffe che ti facciano risparmiare sia a livello di costi che di sprechi energetici. Per questo se stai traslocando e devi effettuare una voltura, un subentro o un allaccio delle utenze, puoi scegliere un fornitore che sia in in linea con le tue esigenze di consumo.